Quella volta del “Va in culer”

Giacomo Bologna era uno straordinario animale da fiera. Lo stand di Braida al Vinitaly aveva un tasso di animazione e simpatia che si distingueva a distanza tra i padiglioni. Nei primi Anni Ottanta tra i produttori c’era ancora una certa “timidezza”. Qualcuno si affidava perfino alle “standiste”, belle ragazze veronesi, quasi sempre minigonnate, che sapevano…

Details

Come assaggiare una promessa

Sul Bricco dell’Uccellone potrei scrivere un libro, tanti sono i ricordi che mi legano a Giacomo, ad Anna e ai figli Beppe e Raffaella. Quando ho assaggiato il primo Bricco? Ero a militare, nella caserma di Castello d’Annone e il direttore del giornale al quale collaboravo, Elio Archimede, mi chiese di andare ad una cena…

Details

Quel Capodanno con il Bricco dell’Uccellone

Si preannunciava una sera di San Silvestro piuttosto sotto tono. Ero invitato a cena a casa di una coppia di amici, ma il mio l’umore non era dei migliori. Lei aveva imbandito una tavola ricchissima, splendida. Ma la vera svolta arrivò quando vidi una bottiglia di Bricco dell’Uccellone pronta a essere versata nei bicchieri per…

Details

Giacomo Bologna rese nobile la Barbera

Ho conosciuto Giacomo a Verona al Vinitaly. Veniva allo stand di Alois Lageder, che mi ha presentato. Gli era piaciuto il fatto che io fossi importatore e amico di Alois, e il mio girovita. Così senza pensarci troppo mi ha portato al suo stand. Era arredato in color verde erba e con un grande tavolo,…

Details

Per inventare il Bricco dell’Uccellone bisognava pensare in grande!

Considero Giacomo Bologna uno dei grandi amici della mia vita, al di là del fatto che tengo ancora i suoi vini  nelle Wine List dei miei ristoranti. Io e Giacomo ci incontrammo, presentati da un amico comune, quando  ancora lui stava sperimentando l’affinamento in barriques della sua Barbera. Il Bricco dell’Uccellone era il vino dei…

Details

Il mio primo “vino con l’etichetta”

Fino al 1995 il vino era stato presente nella mia vita senza un’etichetta: si acquistavano Barbera e Grignolino da contadini amici di famiglia e si travasavano nelle bottiglie, una damigiana equivaleva a 72 bottiglie. L’ingresso nella mia vita di una bottiglia con l’etichetta ha una data: autunno 1995. Il mio primo vino con   l’etichetta è…

Details

Trent’anni di lavoro con il Bricco dell’Uccellone

C’è un altro trentennale che ricorre, oltre a quello del Bricco dell’Uccellone, in Braida questo 2015: Pino Pettazzi infatti festeggia i trent’anni  di lavoro in azienda! Suo fratello Livio non è da meno: ben quattro lustri all’attivo proprio quest’anno. Entrambi ricordano che a Giacomo piaceva far degustare i vini, anche il possente Bricco dell’Uccellone, in…

Details

Bricco dell’Uccellone e Monella furono le nostre prime etichette

Giacomo era venuto a trovarci un pomeriggio del gennaio ’83; Gino (Veronelli) lo aveva accompagnato nell’appartamento che, allora, era per noi sia casa che studio, non lontano dalla sede Rai dove avevano registrato una trasmissione. Giacomo ci parlò di tutti i suoi vini e in particolare dei due più significativi e urgenti: La Monella e…

Details